Runner Haters – Odiatori di Runner

Sogno una società che viva più serenamente e con meno livori.

Pochi giorni fa, su tutti i giornali, ha fatto notizia un messaggio che un haters ha pubblicato sulla pagina “Sei di Brivio se” e che, Federico Airoldi di Brivio Rinasce, ha condiviso e condannato. Il messaggio racchiudeva uno sfogo nei confronti della manifestazione sportiva che era stata organizzata dalla podistica locale e che coinvolgeva famiglie e bambini. Il messaggio che ha indignato tutti chiudeva dicendo: fateli correre in direzione Auschwitz.29028138_463177224099912_334877023816122368_n

Inutile dire che una persona che arriva a scrivere una cosa del genere non ha la benchè minima cognizione per capire quanto grave sia quello che ha pubblicato. Spero rinsanisca e si scusi presto. Ma non è il primo e non sarà nemmeno l’ultimo. Poco tempo fa qualcuno lasciò un messaggio alquanto inequivocabile rivolto agli organizzatori della maratona di Firenze.

23844613_10154894798241022_3470480960865868290_n

Noi runner siamo continuamente bersaglio di haters che ci aggrediscono verbalmente agli incroci, lungo le strade o sui social (per legge bloccherei l’utilizzo dei social network a tutti coloro che si dimostrano aggressivi e incivili) e solo perchè “rubiamo” 30 secondi del loro tempo mentre attraversiamo la strada o perchè, a causa di una gara, a causa di un interruzione al traffico devono modificare il loro percorso.

In tanti anni ne ho sentite di tutti i colori: andate a correre in pista, la strada è di chi va in macchina, se poi ti prendo sotto non ti lamentare, non avete proprio un cazzo da fare, si vede chi non fa un cazzo nella vita, ecc ecc.

Tutto questo mi fa pensare che la nostra società si è imbruttita forte. Insomma: al mondo tutti hanno un amico, un parente, un cugino, una cane che direttamente o indirettamente pratica attività podistica. Quindi non capisco se c’è l’hanno con tutti (quindi anche i loro amici) o solo con quelli che partecipano alle competitive. Non sta a me dire come uno debba investire il proprio tempo, ma 3 minuti fermi ad un incrocio non credo cambino la vita di qualcuno. Ci vorrebbe più buonsenso.

Rivolgo quindi il mio messaggio a tutte queste persone:

Caro amico, so che ti fa incazzare abbestia quando noi runner ed organizzatori utilizziamo le strade per dedicarle ad una giornata di sport, inclusione e solidarietà costringendoti a modificare le tue normali attività. Anche io sono un automobilista e capisco il tuo punto di vista, inutile dirti che però non lo condivido. Resta il fatto che lo rispetto. Sarebbe bellissimo che una domenica decidessi anche tu di partecipare ad una nostra camminata. Ti accorgeresti che ci sono persone stupende, bambini, famiglie, anziani che non meritano proprio per nulla un tuo vaffanculo. Inoltre sono convinto che la chiusura delle strade viene sempre comunicata per tempo dal Comune e quindi non te la prendere con i partecipanti alla corsa se non lo sapevi. Se vogliamo che il mondo sia un posto migliore, dovremmo tutti dare un buon esempio di civiltà. La prossima volta che incrocerai un podista ad una gara, pensa che potrebbe essere un tuo amico, il tuo dottore, un tuo parente o il prossimo fidanzato di tua figlia (forse per quest’ultima avresti un’attenuante) e anzichè lasciarti avvolgere dalla rabbia scendi ad incitarlo o a salutarlo. Faresti una cosa bellissima, sia per lui che per te.

 

 

 

Anche i runner votano

Domenica siamo chiamati al voto.

shutterstock_383981863Confido che mai come quest’anno la scelta per me sarà difficile. Se dovessi paragonare i partiti e le loro idee ad una maratona direi che: a parte alcuni atleti che non arriveranno alla fine o ci arriveranno devastati, assisteremo ad una gara in cui vedremo formarsi un gruppone di 4 o 5 runner che si daranno battaglia fino all’ultimo km. Dalla lista dei partenti non mi sembra d’aver visto l’atleta d’elitè, quello che stacca tutti e va a vincere in solitaria. Ci sono però degli emergenti che potrebbero fare l’exploit. Staremo a vedere. Una previsione? Sembra una di quelle gare in cui i primi non si faranno la volata ma si metteranno d’accordo per decidere a chi tocca vincere questa maratona. Tanto ci sarà un’altra gara e ci saranno sempre loro nel gruppone di testa.

PS: Mi sono preso la briga di guardare se fra i programmi elettorali se qualcuno parlasse di sport . La Lega Nord ne parla in modo abbastanza approfondito, Leggetevi pagina 68 del loro programma. Ma approfondisce l’argomento ancora di più il Movimento 5 Stelle, guardate qui. Nel programma di LEU, Potere al Popolo,Civica Popolare, +Europa, ad esempio, di sport non se ne parla affatto (o io non l’ho trovato) e il PD nel suo programma lo cita marginalmente parlando di sgravi fiscali o dello sport nella scuola. Ottima cosa ma sai che novità, 30 anni fa esistevano i Giochi della gioventù.

Forse l’atletica per alcuni partiti non è argomento di interesse perchè non sposta voti quando invece sappiamo tutti che se vogliamo alzare la qualità della vita, togliere i ragazzi dalla strada e creare qualcosa che sostenga la comunità, l’atletica è uno di quegli antidoti infallibili a costo zero.

Buone corse e buon voto