Runner, maestro di incastri

ATTENZIONE. NON FATE LEGGERE QUESTO ARTICOLO AI COMPAGNI O ALLE COMPAGNE DI UN RUNNER.

Se avessi il tempo correrei anche io“. Quante volte noi runner ci siamo sentiti dire questa frase dai nostri amici?  Eppure abbiamo una vita come tutti gli altri. Anzi, a dir la verità, siamo sempre di corsa.

shutterstock_397569964

Spesso corriamo con in testa il nostro garbuglio di cose da fare, incastri, orari, uscite, entrate, spese, bollette, revisioni, bambini, scuole, riunioni, clienti, cene fuori, vacanze da organizzare, pulizie del sabato mattina, iscrizioni da fare a gare a cui vogliamo partecipare, tabelle da mettere giù, telefonate da fare, appuntamenti da prendere. Insomma, di cose ce ne sarebbero altre mille…

Eppure, riusciamo a fare tutto. Anzi, spesso la corsa ci aiuta a resettare tutto e a vedere le cose sopra citate in modo più chiaro. Chissà quanti di voi sono tornati da una corsa con la soluzione ad un problema che da tempo cercavate di risolvere.

Stasera avremmo un 12 ma nostra moglie ci chiama e dice che alle 18 dobbiamo essere a casa per stare con la bimba? Nessun problema: corriamo durante la pausa pranzo.

Domani avremmo un 15 ma a pranzo siamo con un cliente e alla sera fuori a cena?  Un piccolo sforzo e alle 6.30 del mattino siamo lì che salutiamo i netturbini!

Insomma, noi runner in un qualche modo riusciamo ad infilare la corsetta all’interno delle nostre giornate.

Ho sempre pensato che le scuse siano alibi per non fare delle cose. Il podista invece l’ho sempre ammirato. Per lui non ci sono cazzi; quando è giornata di allenamento, pioggia o neve, è fuori a correre.

Adesso vi svelo un segreto (speriamo che questo post non lo leggano i compagni o le compagne dei runner). Noi podisti siamo maestri negli incastri organizzati.

Il compagno o la compagna del runner vogliono andare in vacanza in Puglia? Nessun problema. Il Runner si fa carico di impegnarsi nella “dura” organizzazione del viaggio. Stranamente, durante lo stesso periodo in cui saranno in Puglia, sarà organizzata una mezza maratona in cui anche i master vanno a premio. Il runner che è anche un grande attore, se ne accorgerà solo il giorno prima leggendo il giornale locale. Ne parlerà sotto l’ombrellone e simulerà disinteresse per la cosa facendo invece di tutto per farsi convincere a partecipare. Non dirà mai che era già iscritto da 3 mesi, ma questo è un segrete che rimane all’interno di questo articolo.

Le cene sono sempre un trauma per un runner. Vive la dieta in simbiosi con l’attività sportiva. Domenica mattina c’è un 21 competitivo, il sabato vorresti farti una cena a base di carboidrati ma gli amici ti invitano a cena fuori da “GIGI IL FRIGGIONE”! Cazzo, non li vedi mai, non puoi dargli buca. Calma e sangue freddo. Analizziamo le varie supercazzole: febbre? bambino da tenere? allergia al fritto? cavallette? porto la pasta in bianco da casa? Il runner a questo punto tira fuori il coniglio dal cappello: semplicemente dice la verità. “Ragazzi, il giorno dopo ho una gara e non posso mangiare fritto. Tutti a casa mia per una serata a base di piadine fatte in casa con crudo, birra e proiezione del film Porno Soft “Amore, vai pure a fare la mezza con i tuoi amici che ne approfitto per fare aggiustare il tubo che perde dall’idraulico”.

 

Mentre siete lì che guardate il film non preoccupatevi se vi sorge qualche dubbio.